Eumill per saperne di più la luce blu è nociva per la salute degli occhi
Eumill per saperne di più luce blu

eumill-per-saperne-piu-luce-blu

eumill-per-saperne-più-luce-blu

eumill-approfondimenti

SCOPRI COSA DICONO GLI ULTIMI STUDI

Opinione comune è che la luce blu, emessa da smartphone, computer e tablet, compagni della nostra quotidianità (e anche spesso delle ore notturne), sia dannosa per la vista. Ma qual è il parere in merito degli esperti? Facciamo chiarezza.

Innanzitutto, per luce blu (HEV, High Energy Visible) si intende una radiazione elettromagnetica facente parte dello spettro visibile, ad alta energia, vicino alle lunghezze d’onda dell’ultravioletto.

Le sorgenti luminose dei display LCD di tipo LED rilasciano una predominante componente blu se confrontate con le lampadine utilizzate nel passato.

Uno studio pubblicato su Nature ha messo in evidenza come la luce blu dei dispositivi digitali e dei raggi ultravioletti della luce solare porterebbe a conseguenze negative per la salute della vista. Questi dati sono andati ad aggiungersi a una ricerca pubblicata dall’Università di Toledo in cui è stato valutato come la luce potesse determinare la morte di alcuni componenti presenti nelle cellule della retina, oltre ad aumentare addirittura il rischio di sviluppare la degenerazione maculare, una patologia che può arrivare anche a causare la perdita della vista.

In tutta risposta, l’American Academy of Ophtalmology ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sostenendo che la luce blu non abbia in realtà alcun impatto negativo sulla vista, smentendo così lo studio di Toledo.
Anche se l'American Academy sostiene che non ci siano ripercussioni sulla salute dell'occhio, l'utilizzo di dispositivi digitali che emettono luce blu è quantomeno da evitare durante le ore notturne. La spiegazione va ricercata nel fatto che la componente blu e le frequenze vicine all’ultravioletto attivano i processi coinvolti prima del risveglio, alterando la fisiologia del ritmo sonno-veglia regolato dal colore della luce naturale. Sarebbe pertanto utile, prima di coricarsi, selezionare l’impostazione per lo schermo della luce sulla tonalità giallastra.

eumill-approfondimenti eumill-approfondimenti

In conclusione, lo stato irritativo degli occhi sembra essere collegato non tanto alla luce blu in sé, bensì al prolungato utilizzo dei dispositivi. Infatti, stare concentrati per molto tempo sui monitor dei pc, o sui libri, provoca un minor battito ciliare determinando una minor idratazione dell’occhio.

Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare

COSA FARE IN TERMINI DI PREVENZIONE?

È sempre indicato parlare con un oculista per identificare assieme il miglior intervento sulla base della propria storia personale. Ma ecco alcuni consigli utili:

Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare Concedersi delle pause per non affaticare eccessivamente la vista;
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare Controllare che il luogo sia ben illuminato (in particolare durante le ore serali);
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare Utilizzare eventualmente occhiali con lenti specifiche per filtrare la luce blu;
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare Ricorrere a pellicole realizzate appositamente per schermare gli occhi dalla luce blu dei dispositivi;
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare Fare uso di gocce oculari in grado di fornire un’azione idratante e lubrificante al bisogno o per un uso continuativo.
Eumill gocce oculari idratanti, lubrificanti, lenitive per i tuoi occhi contro arrossamento oculare
eumill
Eumill per saperne di più occhi e aria aperta
 

Recordati S.p.A. - Partita Iva: 00748210150 - Condizioni di utilizzo